18
dicembre

Un congresso 2.0 diverso dagli altri

Ci sono mesi di intenso lavoro, di prove, di dirette, dietro la preparazione del congresso ANTLO 2.0, il primo completamente on-line, andato in onda (con successo) nella mattinata di sabato 12 dicembre. Da remoto, quindi, e non di presenza come gli altri. Una  nuova modalità di fare cultura imposta dalla pandemia. L’unico, ora come ora, in grado di mantenerci in contatto con gli associati e più in generale con il pianeta odontotecnico, senza incorrere nelle ire del Covid. 

Un congresso “diverso” anche perché la categoria in quest’evento voleva esprimere tutta la sua forza, la vitalità e la voglia di associazione. “Sapevamo – commenta Paolo Mola, brillante presidente di seduta - di avere tutti gli occhi puntati addosso. Quindi, non potevamo sbagliare”. E infatti tutto è filato liscio.  Ma se Mola e Michele Di Maio, lo speaker ufficiale (i due “pippobaudo” così definiti) sono stati il volto esterno dell’evento,  è stata la macchina organizzatrice a funzionare egregiamente potendo contare sul contributo di validi e qualificati collaboratori.

Per  concorde ammissione, quindi, quello del 12 dicembre è stato molto di più di un “semplice” congresso. Il perché e il percome lo apprenderemo grazie al servizio speciale con “tutti particolari in cronaca” che verrà pubblicato su ANTLOnline, la nuova testata culturale in procinto di venire alla luce, a fine gennaio. Ne leggeremo delle belle! 

le aziende comunicano

editoria

area soci

Registrati
Hai dimenticato la password? Reimpostala