14
ottobre

Profilo: gli odontotecnici grati al Presidente CAO, dott. Renzo

Succede che nelle more di un interessante Convegno organizzato da ANDI presso l’Auditorium del Ministero della salute giovedì 12 settembre il Presidente CAO Nazionale, dott. Giuseppe Renzo, approfittando della presenza del Ministro Lorenzin, giunta al termine dell’assise per gli importanti e concomitanti impegni parlamentari, la avvicini parlandole brevemente ai piedi del tavolo della presidenza del Convegno stesso

Di cosa sia stato l’oggetto del breve e fugage colloquio lo ritroviamo poco dopo in un comunicato pubblicato sul sito FNOMCeO che riportiamo (v. allegato 1).

Eh già….perchè – come recita il suddetto comunicato  – il Ministro ha dato assicurazioni che non sarebbero passati gli emendamenti al DDL Lorenzin, non quelli che “tagliano certe unghie” al sistema ordinistico, ma l’emendamento teso “a far approvare il profilo dell’odontotecnico”, la cui questione come risaputo ha una importanza superiore a tutto il resto in cui si dibattono i cittadini per la drastica caduta degli accessi alle cure odontoiatriche e gli operatori dell’intera filiera del dentale con in primis gli stessi odontoiatri, secondo quanto illustrato proprio dal Convegno ANDI.

Non c’è bisogno di una sconfinata immaginazione per sapere l’uso che ne è stato fatto dal dottor Renzo di questa sua inveterata evergreen che insieme ai numeri “farlocchi” sull’abusivismo rappresentano i dati caratterizzanti le  campagne elettorali del suo “ventennio” a capo della CAO Nazionale e quindi dell’oggetto del colloquio con il Ministro Lorenzin in un momento in cui si avvicinano le elezioni della CAO che – a quanto è dato sapere – per la prima volta dimostrato una certa insofferenza verso la continuazione del “ventennio”.

Ci meraviglieremmo del contrario.  Ci meraviglieremmo se non si fosse dato corso al tradizionale armentario di simili circostante (sventato il complotto contro la dignità della professione; respinto un grave attentato alla salute dei cittadini; sconfitto il piano ordito per instaurare la figura del “sarchiapone” odontoprotesista, eccetera eccetera) nel consueto profluvio di email a tutto il mondo odontoiatrico, territori d’oltremare compresi.

Ci meraviglieremmo d’altronde se, dopo la pubblicazione della presente news, non si desse corso all’analogo profluvio di email con certe tipiche gladiatorie affermazioni (“non mi piegheranno”,non mi fermeranno”, eccetera eccetera) che chissà come mai ci ricordano qualche passo degli “Annali d’Italia dal principio dell’era volgare sino all’anno 1750”, volumi 39-40, di Lodovico Antonio Muratori (“Voi mi avete detto che io merito la vostra fiducia e mi avete fatto depositario dell’onore dell’armata: io saprò confermarlo e qualunque sieno i perigli che ci attorniano, non soccomberò giammai con ignominia, soldati!”)

C’era però qualcosa di poco chiaro, avendo collaborato con l’on. Rondini (unico odontotecnico in Parlamento, Socio ANTLO) nella predisposizione dell’emendamento che non chiede affatto l’approvazione del profilo (  che non si può chiedere stante le norme in essere dell’art. 5 della Legge 1.2.2006, n.43, modificate “in pejus” dalla stessa Commissione Affari Sociali) quanto evitare un assurdo e surreale “gioco dell’oca” con il ritorno alla stazione di partenza dopo ben 18 anni di tribolazioni.

Siamo così andati, nella stessa serata di giovedì 12 settembre, a individuare gli emendamenti presentati e pur a tarda ora, siamo riusciti grazie alla disponibilità dell’on. Rondini, degli uffici del Gruppo della Lega Nord e da ultimo,  venerdì 13 settembre, degli uffici della Camera dei Deputati a scoprire che era stato per errore depositato il testo dell’emendamento illustrato dalla delegazione ANTLO in Commissione Affari Sociali nell’ottobre 2016.

Si è così riusciti a sostituire l’emendamento errato – che peraltro stante le modifiche apportate al DDL Lorenzin risultava “irricevibile” – con quello giusto.

Tutto grazie a quel breve e fugace colloquio ai piedi del tavolo della presidenza del Convegno ANDI (molto ma molto interessante) fra il dottor Renzo ed il Ministro Lorenzin e grazie al comunicato FNOMCeO. Di questo gli odontotecnici ringraziano sinceramente il Presidente CAO, dottor Renzo.

Ma quando ci si mette di mezzo lo spiritello giusto di Santa Apollonia, le sorprese simpatiche non finiscono.

Già….perchè l’emendamento su cui il dottor Renzo avrebbe avuto le assicurazioni del Ministro Lorenzin riguarda alla lettera quell’emendamento presentato lo scorso anno in Aula al Senato, proprio in sede di approvazione del DDL Lorenzin, dal Sen. Astorre (PD) e accolto, trasformato, in un ordine del giorno dal rappresentante (Sottosegretario alla salute, on. De Filippo) proprio di quel Ministero guidato allora come oggi dallo stesso Ministro Lorenzin.

Pur avendole viste di cotte e crude, mai ci era capitato di vedere qualcuno chiedere ad un Ministro di smentire ciò che il suo Ministero aveva accolto qualche tempo prima. Cercheremo di sapere cosa ne pensa  il Ministro Lorenzin della questione.

Ma forse il Presidente CAO, dottor Renzo, ha chiesto al Ministro Lorenzin il ripristino di quello schema di profilo (molto più hard secondo una vulgata odontoiatrica) che nel lontano 2001 aveva riscosso il suo parere favorevole in nome e per conto FNOMCeO, come si evince letteralmente dai documenti della Seconda Sezione del CSS dell’ottobre-novembre 2001, dai conseguenti documenti del Ministero della salute e, da ultimo, dal dispositivo dell’adunanza con cui il Consiglio di Stato nell’aprile 2002 rinviava al Ministero quello schema per l’intervenuta modifica del Titolo V della Costituzione.

Noi ci apprestiamo ad una prossima, immancabile “guerra di corsa”  sull’emendamento dell’on. Rondini, rinnovando i più sinceri ringraziamenti, a nome degli odontotecnici, al dottor Renzo che ci ha consentito di sostituire un emendamento “irricevibile” ed al quale auguriamo sinceramente, per sdebitarci, di proseguire il suo “ventennio” a capo della CAO.

 

All. 1 - comunicato del dottor Renzo

https://portale.fnomceo.it/fnomceo/showArticolo.2puntOT?id=161874

All. 2 - emendamenti proposti da ANTLO in Commissione Affari Sociali il 4 dicembre 2016

https://www.antlo.it/Nazionale/Notizie/Attualita/DDL_Lorenzin_ANTLO_Camera_profilo_prestanomismo_vario_abusivismo-1676

All. 3 - emendamenti on. Rondini, con relazione di presentazione, depositati correttamente alla Camera, pubblicati in data odierna da Odontoiatria33

http://www.odontoiatria33.it/cont/pubblica/attualita/contenuti/15079/lorenzin-profilo-dellodontotecnico-giallo-sullemendamento-presentato.asp

 

le aziende comunicano

editoria

area soci

Registrati
Hai dimenticato la password? Reimpostala