08
luglio

Pos obbligatorio dal 30 giugno 2022

Dallo scorso 30 giugno tutti i commercianti e gli studi professionali si sarebbero dovuti dotare del Pos e accettare i pagamenti con moneta elettronica.

La norma di riferimento è il D.L. 36/2022 (cosiddetto “Decreto PNRR 2”, art. 18, commi 1, 2 e 3) che ha anticipato al 30 giugno (anziché 1° gennaio 2023) le sanzioni per gli esercenti e i professionisti che rifiutano i pagamenti con il Pos.

Orbene, fermo restando il fatto che ogni imprenditore si autodetermina in ordine alle proprie scelte organizzative e funzionali, il rispetto della legge rimane sacrosanto!

L’obiezione sollevata da alcuni odontotecnici secondo la quale l’obbligo di dotarsi del POS non li riguarderebbe, in quanto nei loro laboratori, generalmente, non ci sarebbe “contatto con il pubblico” incontra il limite fondamentale dell’imprevisto: l’ipotesi che un cliente/paziente si rivolga all’odontotecnico per la riparazione della protesi casualmente caduta a terra e danneggiata …

Dunque, se il suddetto paziente chiedesse di poter regolare il pagamento dovuto ed estraesse il bancomat o la carta di credito dal portafogli … l’odontotecnico non essendosi dotato del POS si ritroverebbe in grossa difficoltà …

Infatti, dal luglio 2022 chi non accetterà i pagamenti con carta elettronica, previa segnalazione dell’utente, sarà punito con una sanzione pari a 30 euro, aumentata del 4% del valore della transazione rifiutata …

Tuttavia, nei casi di oggettiva impossibilità tecnica di accettare il pagamento con POS, ad esempio perché il Pos è temporaneamente fuori uso, eventualmente nel caso di un guasto tecnico, ovvero quando il terminale non dovesse avere linea o connessione, il professionista non è passibile di sanzione.

In ogni caso, il professionista per risultare almeno formalmente “in regola” con la normativa citata, potrebbe limitarsi ad accettare anche un unico circuito di pagamento, oltre che una sola tipologia di carta di debito (per esempio il solo bancomat) e anche una sola tipologia di carta di credito, così restringendo unilateralmente il diritto degli utenti a pagare con Pos, ma senza che gli stessi utenti possano nulla eccepire al riguardo.

Dura lex sed lex …

le aziende comunicano

editoria

area soci

Registrati
Hai dimenticato la password? Reimpostala