12
marzo

La Primavera di ANTLO parte dalla Basilicata

Nell’immaginario collettivo la primavera è la stagione della rinascita. Mai come quest’anno la si aspettava con ansia, non tanto come stagione metereologica, quanto come stagione di ripresa sociale ed economica, come un risveglio e un riscatto del sistema messo in letargo forzato dall’emergenza sanitaria.

Questa nuova stagione avrebbe dovuto esordire nella splendida città di Matera, la perfetta cornice di un evento già lo scorso anno organizzato con tanto impegno e passione dal direttivo territoriale, e poi annullato, perché proprio in quel periodo arrivarono le improvvise chiusure.

Allora si era completamente impreparati alle iniziative online, sia nell’organizzazione che nell’abitudine alla partecipazione; inoltre tutti eravamo confusi e disorientati. La pandemia però ha costituito, nelle sue difficoltà, un’ occasione per migliorare tanti aspetti, tra cui la comunicazione virtuale, decollata timidamente, e poi condotta in maniera sempre più decisa ed efficace, e da allora non ci siamo più fermati.

A distanza di un anno, dunque, la primavera di ANTLO si aprirà con il Congresso regionale Basilicata che, sulla scia del successo del nostro primo evento virtuale dello scorso dicembre, si terrà sabato 20 marzo con le stesse modalità e sulla medesima piattaforma, con un parterre di relatori che daranno spessore e contenuti ad un programma di grande interesse e prestigio.

Ad aprire il congresso, dopo i saluti dei dirigenti territoriali, Luigi Vitale, che illustrerà come la conoscenza della protesi totale possa rivelarsi importante per arrivare ad altri tipi di protesizzazione, e a seguire Giancarlo Giulietti, la cui relazione metterà in evidenza come si riesca ad ottenere dei manufatti protesici più che dignitosi utilizzando materiali che semplificano il lavoro, come il monolitico e il press su metallo. La conferenza di Mario Miceli sarà un omaggio alla memoria del compianto Prof. Pietro Bracco, grande maestro dell’ortognatodonzia italiana, che con la creazione di una serie di nuovi dispositivi più evoluti e funzionali ha dato vita alla filosofia dei dispositivi funzionalizzanti secondo la scuola di Torino.  A concludere ci sarà Ciro Simonetti che offrirà una panoramica delle soluzioni per una chirurgia implantoprotesica più semplice e predicibile

E’ chiaro che questa edizione non sarà come era stata immaginata, ma siamo comunque fiduciosi nell’ottimo risultato, e felici di poter offrire un così ricco ed interessante momento di formazione  a tante persone, anche di altri territori, che non avremmo mai raggiunto con il classico evento in presenza.

 

le aziende comunicano

editoria

area soci

Registrati
Hai dimenticato la password? Reimpostala