05
dicembre

Congresso AIO e accessi alle cure: ANTLO plaude e sostiene la convergenza in materia

Pochi giorni fa abbiamo contestato alcune affermazioni del Presidente AIO Dott. Fiorile sul profilo, arrivando a pensare che non abbia nemmeno letto il testo sul quale stiamo lavorando da anni.

Oggi siamo qui invece a plaudire e a sostenere i risultati del recente congresso politico AIO ( vedi allegato ) in materia di incentivazione di accessi alle cure.

Un’ottima notizia che segue i risultati del convegno ANDI di ottobre sull’altra modalità attraverso la quale si possono incentivare gli accessi alle cure: la mutualizzazione dei costi.

ANTLO da tempo ha collocato al secondo posto delle priorità della propria piattaforma sindacale le incentivazioni agli accessi alle cure attraverso la defiscalizzazione e la mutualizzazione dei costi, subito dopo la difesa dello spazio professionale, che è l’obiettivo prioritario oggi di ANTLO, e prima ancora del profilo professionale.

L’abbiamo definito al congresso di Assisi nel 2014, l’abbiamo riproposto alla manifestazione di maggio 2015 davanti al Ministero, l’abbiamo perseguito con tenacia.

Abbiamo avuto una battuta d’arresto, incomprensibile, da parte odontoiatrica, nel 2015-2016, con il rifiuto di organizzare una conferenza sull’odontoiatria che avesse al centro questa materia.

Ma grazie da un lato alla tenacia del Ministero e dall’altro alle posizioni assunte in materia anche da UNIDI, si è arrivati a maggio scorso a Rimini ad Expodental ad un convegno nel quale tutte le componenti della filiera del dentale si sono trovate d’accordo su questa proposta.

Che cosa significa incentivare gli accessi alle cure? Significa da un lato innalzare il livello di salute orale del paese, crollato in conseguenza anche della crisi del 2008, come dimostrato dai dati dell’ufficio studi ANDI e dei principali osservatori (CENSIS, ISTAT). Significa intercettare l’aumento dei casi di tumore del cavo orale, come dimostrato dai dati delle ricerche condotte dal Collegio dei Docenti di Odontoiatria. Significa, come affermato dall’On. Pelillo, deputato PD e capogruppo in commissione Finanze della camera, sia a Rimini in Expodental, sia al recente congresso AIO, ottenere evidenti conseguenze positive sia sul piano sanitario, sia rispetto ai bisogni della popolazione, sia rispetto agli interessi dei soggetti della filiera a cominciare proprio dagli odontotecnici.

Gli interventi, soprattutto in materia di defiscalizzazione, riguarderanno essenzialmente, per motivi di costi, i soggetti fragili per la cittadinanza, a cominciare dagli anziani, ma non solo, che abbisogneranno sempre più di cure a contenuto protesico, ma non escludendo nemmeno un incremento per ciò che riguarda l’ortodonzia.

Si tratta adesso di sistematizzare in proposte concrete queste importanti manifestazioni di volontà per presentarsi all’indomani delle prossime elezioni di fronte al nuovo Parlamento e al nuovo Governo e sollecitare così specifiche iniziative legislative in materia.

E’ grande la soddisfazione di ANTLO per quanto sta emergendo da parte odontoiatrica come risultato della propria tenacia in materia, non essendo ANTLO così vanitosa e superba da ritenere che questa convergenza di interessi sia dovuta alla propria azione. Certo è che come dicevano gli antichi “gutta caveat lapidem”, “la goccia perfora la pietra”, ed in questo ci riconosciamo.

All. http://www.odontoiatria33.it/cont/pubblica/approfondimenti/contenuti/15563/congresso-politico.asp

 

le aziende comunicano

editoria

area soci

Registrati
Hai dimenticato la password? Reimpostala